Data center, così il cloud sposta l’ago della bilancia | Chi è IDC | IDC Italy

In italiano MILANO - E’ ormai stabilmente in atto uno spostamento delle risorse dei data center dall’interno all’esterno delle aziende guidato da una sempre maggiore propensione all’utilizzo di servizi cloud, evidenzia IDC. Entro pochi anni, infatti, la maggior parte degli asset IT e dei dati risiederà al di fuori dei tradizionali data center aziendali.

Sebbene non sia l’unica tecnologia abilitante, il cloud è la principale alla base dell’odierno processo di trasformazione digitale. Qualsiasi cosa conti – a livello IT – è ormai rilasciata via cloud, tant’è che la spesa IT infrastrutturale per ambienti cloud (vale a dire l’insieme di prodotti server, storage e di rete utilizzati nelle aziende per alimentare le infrastrutture cloud) crescerà a ritmi molto più sostenuti della spesa IT infrastrutturale per ambienti non cloud. IDC calcola che nel 2017 la spesa IT infrastrutturale cloud aumenterà del 18,2%, mentre quella non cloud calerà del 3,3%. Sul lungo termine, ovvero proiettando il trend sul 2020, la spesa IT infrastrutturale per ambienti cloud crescerà con un tasso medio annuale del 13,9%, mentre la spesa non cloud calerà con un CAGR dell’1,8%. Cosa più importante, nel 2020 avverrà il sorpasso, ovvero per la prima volta a livello mondiale la spesa IT infrastrutturale per il cloud varrà di più di quella per gli ambienti non cloud.

I trend analizzati da IDC evidenziano poi un progressivo aumento della richiesta da parte delle aziende di servizi di cloud pubblico. IDC prevede che da qui al 2020 la spesa mondiale in servizi di cloud pubblico – SaaS, IaaS e PaaS – crescerà quasi sette volte più velocemente della spesa IT complessiva, passando dai 122,5 miliardi di dollari previsti nel 2017 a quasi 203,5 miliardi nel 2020.

Tutto questo sta contribuendo a spostare l’ago della bilancia IT dai data center interni a quelli dei service provider. Quello che in un paio d’anni sarà l’ambiente aziendale per eccellenza – il cloud ibrido o il multicloud – vedrà la componente public cloud rafforzarsi sempre di più.

Un altro misuratore di questa tendenza è lo spazio fisico occupato nel mondo dai data center in attività. A partire dal 2016, infatti, i metri quadrati occupati dai data center aziendali hanno iniziato a diminuire, mentre quelli occupati dai data center dei service provider hanno subìto un’impennata: IDC prevede che tra il 2019 e il 2020 per la prima volta la metratura complessiva dei data center pubblici supererà quella dei data center privati. Tra cinque anni, cioè nel 2021, il numero di nuovi data center realizzati dai service provider supererà quello delle strutture aziendali di 2,5 volte, sottolinea IDC.

In questo scenario, la migrazione verso modelli pubblici e quindi ibridi di delivery dell’IT pone le aziende di fronte a una nuova serie di sfide, che spaziano dall’integrazione dei diversi canali cloud alla governance dell’infrastruttura e dei dati, dalla sicurezza e compliance normativa fino agli SLA e alle certificazioni richieste ai service provider. Questi temi saranno trattati in un nuovo roadshow intitolato IT Evolution: verso un'infrastruttura ibrida e sicura che Aruba in collaborazione con IDC porterà in giro per l’Italia toccando tre diverse città: Roma l’11 aprile, Treviso il 18 maggio e Bergamo il 28 giugno.

Nel corso delle tre tappe, Sergio Patano, senior research and consulting manager di IDC Italia, e gli esperti di Aruba incontreranno CIO e IT manager italiani per illustrare i modelli più attuali in tema di trasformazione dei data center ed evoluzione dei servizi infrastrutturali. “L’infrastruttura ICT on-premise è stata e continuerà ad essere l’ossatura dell’azienda del futuro, tuttavia per sostenere le richieste di un business sempre più esigente dovrà evolvere a ritmi sostenuti e diventare agile, veloce e flessibile”, commenta Sergio Patano. “Diventa quindi imprescindibile l’apertura al cloud pubblico per la costruzione di ambienti ibridi e multicloud, così da preservare gli investimenti passati e cogliere le opportunità legate alle nuove tecnologie, ritagliandosi soluzioni flessibili e sicure che considerino anche i più maturi ambienti di colocation e hosting”.

Per maggiori informazioni sull’evento: IT Evolution
Hashtag dell’evento: #ITevolutionRoadshow

Fondata nel 1964, IDC (International Data Corporation) è la prima società mondiale specializzata in ricerche di mercato, servizi di consulenza e organizzazione di eventi nei settori IT, TLC e dell’innovazione digitale. Oltre 1.100 analisti in 110 Paesi del mondo mettono a disposizione a livello globale, regionale e locale la loro esperienza e capacità per assistere il mercato della domanda e dell’offerta nella definizione delle proprie strategie tecnologiche e di business a supporto della competitività e crescita aziendale.