I Big Data alimentano la richiesta di storage "next-gen" | Chi è IDC | IDC Italy

In italiano MILANO - Nel corso del 2016, i progetti aziendali relativi ai Big Data hanno alimentato la richiesta di architetture di storage più scalabili, agili e on-demand. IDC ha evidenziato nel corso dell’anno appena concluso un ricorso sempre maggiore da parte dei dipartimenti IT aziendali a tecnologie emergenti quali il software-defined storage, i sistemi flash e le infrastrutture cloud ibride.

Questo trend si inserisce nel quadro più generale della progressiva evoluzione dell’IT aziendale dettata dall’inevitabile processo di trasformazione digitale del business. Da un punto di vista prettamente tecnologico, le soluzioni applicative e infrastrutturali legate alla Terza Piattaforma stanno consentendo alle aziende di puntare a quell’obiettivo fondamentale di agilità richiesto per competere nella nuova data economy.

I Big Data stanno pertanto influenzando molte delle decisioni d’acquisto di tecnologia da parte delle aziende, in particolar modo quelle in ambito storage. Quando il dato viene creato, catturato o archiviato, deve essere analizzato o analizzabile entro il suo ciclo di vita. Per questo motivo la piattaforma di storage assume fondamentale importanza.

IDC evidenzia come a livello mondiale la spesa aziendale in storage per progetti Big Data sia destinata a crescere con un tasso annuale medio del 22,4% fino al 2020. In particolare, questa spesa andrà a superare i 20 miliardi di dollari nel 2020. In termini di capacità consegnata, tutto questo si tradurrà in un CAGR al 2020 pari quasi al 29%, fino a superare i 92 exabyte nel 2020.

Un approccio software-defined allo storage consente alle aziende di ridurre la complessità ed eliminare i silos degli ambienti di storage, rendendo l'intera infrastruttura più agile e quindi più veloce nel rispondere alle richieste del business. Più i data set diventano grandi, e più il software-defined diventa economicamente conveniente.

Incremento di velocità e riduzione della latenza sono poi raggiungibili con sistemi storage flash, che grazie alle elevate prestazioni e a un TCO sempre più accessibile vedono crescere la loro penetrazione all'interno dei data center aziendali rispetto ai sistemi tradizionali (HDD), soprattutto per quanto riguarda le applicazioni business critical.

In questo contesto evolutivo, con dati in forte crescita e risorse di storage che devono giostrarsi tra capacità e costi di archiviazione, diventa ancor più importante creare un ambiente che sia flessibile e scalabile. Con il cloud ibrido le aziende possono raggiungere tale obiettivo, facendo migrare i dati tra ambienti di cloud privato e pubblico, valorizzando l'infrastruttura esistente e cogliendo le potenzialità in termini di elasticità ed economicità delle offerte on-premise.

IBM in collaborazione con IDC organizza un evento durante il quale, con live-demo e casi studio, mostrerà come ciascuno di questi tre elementi risulti fondamentale per realizzare un'infrastruttura di storage business-ready, ponendo anche l’accento su un quarto aspetto, la sicurezza. Intitolato Navigare sicuri in un oceano di dati, l’evento si svolgerà a Milano il 23 marzo e guiderà i presenti in sala attraverso scenari di business reali che offriranno l'opportunità di valutare i vantaggi esponenziali di un’implementazione congiunta di tali soluzioni.

Per maggiori informazioni sull’evento: Navigare sicuri in un oceano di dati
Hashtag dell’evento: #StorageBusinessReady

Fondata nel 1964, IDC (International Data Corporation) è la prima società mondiale specializzata in ricerche di mercato, servizi di consulenza e organizzazione di eventi nei settori IT, TLC e dell’innovazione digitale. Oltre 1.100 analisti in 110 Paesi del mondo mettono a disposizione a livello globale, regionale e locale la loro esperienza e capacità per assistere il mercato della domanda e dell’offerta nella definizione delle proprie strategie tecnologiche e di business a supporto della competitività e crescita aziendale.